Sponsor
                                   
Hide/Show Panels   Hide/Show Panels
Navigazione
Home
Forum
Articoli
Veterinari
Foto
Foto Utenti
Ricerca sul portale
Link
Contattaci

Mercatino

Inviaci un articolo
Inviaci una foto
I compleanni di oggi
Michelon 46
Bramburka 28
Ultime foto inserite

Inviata il 24/09/2014 da domedendra88


Inviata il 18/02/2014 da gio. dendro
Siti Amici
Neptunalia


acqua
Supportaci
No cattura

Strictly Reptiles

TERRARITALIA top

Hosted by
Platymeris (by Entoforum.it)

L'allevamento dei Platymeris
di Matteo Campagnari

Kingdom: Animalia
Subkingdom: Eumetazoa
Phylum: Artrhopoda
Subphylum: Exapoda
Class: insecta
Order: Hemiptera
Infraorder: Cimicomorpha
Suborder: Heteroptera
Family: Reduviidae
Subfamily: Reduviinae
Tribu: Reduviini
Genus: Platymeris

Species:Platymeris biguttata (Linne, 1767)  Platymeris charon (Jeannel, 1917)  Platymeris erebus (Distant, 1902)  Platymeris flavipes (Bergroth, 1920)  Platymeris guttatipennis (Stal, 1859)  Platymeris insignis (Germar and Brendt, 1856)  Platymeris kavirondo (Jeannel, 1917)  Platymeris laevicollis (Distant, 1919)  Platymeris nigripes (Villiers, 1944)  Platymeris pyrrhula (Germar, 1837)  Platymeris rhadamanthus (Gerstaecker, 1873)  Platymeris rufipes (Jeannel, 1917)  Platymeris swirei (Distant, 1919)


Platymeris sp.mombo


Platymeris rhadamanthus

Le specie più reperibili e conosciute in terrariofilia sono Platymeris biguttatus e Platymeris rhadamanthus. Platymeris sp "mombo"  identifica una terza specie, non ancora determinata con sicurezza.


Da sx Platymeris sp.mombo, P. rhadamanthus, P biguttatus

Sono Emitteri insettivori di dimensioni medio-grandi, che raggiungono 35- 40 mm di lunghezza. I l colore di base dell'intero corpo è nero, ad eccezione delle zampe i cui femori sono attraversati da una banda gialla (P.biguttatus) o rossa (P.rhadamanthus e P."mombo") e sono coperte da una peluria cortissima e molto rada.  Nella parte anteriore dell'ala  è presente una macchia circolare che è bianca  in  Platymeris biguttatus, rossa  in  P. rhadamanthus e arancio in Platymeris sp. "mombo".

Per "sessare" un esemplare adulto in modo sicuro bisogna osservarlo nella faccia ventrale ( a questo scopo si possono usare pinzette o un contenitore trasparente):  la femmina ha un addome leggermente più largo del maschio che, nella parte terminale, non presenta irregolarità o rigonfiamenti, raccordandosi  perfettamente con la cloaca, mentre il maschio nell'ultimo segmento addominale presenta una sorta di  bulbo  che racchiude i genitali (capsula genitale), che risulta  facilmente riconoscibile anche in foto.


Platymeris rhadamanthus maschio


Platymeris rhadamanthus femmina

Habitat
Il genere Platymeris è presente in tutta l'Africa sub sahariana, preferibilmente in ambienti di savana arida e bassa boscaglia, luoghi cioè che gli possano offrire molti rifugi come tronchi, anfratti e cespugli. Platymeris biguttatus è più diffuso nella parte est dell'Africa,  P. rhadamanthus in quella occidentale, mentre  P. "mombo" è presente nella zona centrale che in quella occidentale

Ciclo vitale
La durata dello sviluppo postembrionale è variabile in relazione a fattori come la temperatura e l'alimentazione. Una neanide neonata tenuta a 28°C e ben alimentata può mutare anche una volta ogni 10 gg  per le prime tre mute, poi richiederà più tempo per le successive.  Lo stadio adulto è raggiunto in circa 4 mesi (5 mute totali), e la deposizione delle prime uova sopravviene dopo altri 30 giorni

La riproduzione è anfigonica: la possibile riproduzione per via partenogenetica, sebbene riportata da alcune fonti straniere ormai piuttosto datate, resta tuttavia da verificare e confermare. Dalla mia esperienza ho notato che le uova deposte da femmine non fecondate non si sono mai schiuse.


Neanidi e uova di Platymeris sp.mombo

In media una femmina depone un centinaio di uova che, incubate a 28°C e con una buona umidità ambientale (anche 70%) si schiuderanno in circa 30 gg.
Le uova sono scure, tondeggianti e leggermente allungate, la loro lunghezza è di  3-4 mm e presentano un opercolo bianco circolare, di 1-1,5 mm di diametro.
La percentuale  di schiusura è molto alta, raggiungendo circa l' 88% del totale. E' normale avere un 10% circa di  uova sterili, facilmente riconoscibili in quanto presentano ammaccature, colorazioni anomale (marrone chiaro)o perdita di liquidi, è normale anche in caso di buone incubazioni una piccola percentuale di decessi durante la nascita, circa 2%.
Le neanidi appena nate misurano circa 4 mm e presentano una colorazione accesa, caratterizzata da corpo rosso-arancio  e zampe gialle. Nel giro di qualche ora, però, il capo  e il torace diverranno neri, l'addome assumerà una colorazione rossa  cosparsa di piccoli punti neri, mentre i femori si manterranno gialli. Questo cambiamento è dovuto al fatto che alla nascita, così come  dopo ogni muta, l'esoscheletro "fresco" ha bisogno di un po' di tempo per assumere, asciugandosi,  la consistenza e la colorazione finale. Alla seconda muta l'addome diventerà nero come il resto del corpo.
Le ninfe (ovvero gli esemplari allo stadio preimmaginale) presentano gli abbozzi alari, che si svilupperanno pienamente in ali, sebbene  non funzionali, solo nell'adulto.
Una volta raggiunto lo stadio adulto, un esemplare di  Platymeris può vivere anche più di un anno.


Ninfa e adulto di Platymeris biguttatus

Allevamento
Sono insetti che  non richiedono molto spazio, per cui per il loro allevamento si prestano ottimamente sia terrari in vetro che vasche o contenitori di plastica, opportunamente forati per assicurare un buon ricircolo d'aria e ben chiusi, perché questi Emitteri, anche se molto goffamente, riescono spesso ad arrampicarsi sulle pareti in plastica (P. rhadamanthus è particolarmente abile da questo punto di vista).


Vasche per l'allevamento di Platymeris

Ho osservato che, se si vuole allevare un gruppo di più esemplari, 70-80 cm² per ogni esemplare adulto vanno più che bene, anche se abbondare non guasta. C'è un considerevole rischio di cannibalismo tra esemplari con forti differenze di taglia e anche tra le neanidi neonate, pertanto si consiglia di allevarne almeno una parte singolarmente per le prime mute  in modo da garantire una nuova generazione, anche se l'estrema prolificità di questi insetti non lo renderebbe  necessario.
Il set up della teca può essere costituito da un arredamento anche molto ricco e scenografico, in  quanto questi insetti non scavano e non tendono a spostare gli oggetti. Si possono inserire a questo proposito pietre piatte, rametti, o cocci di vasi e mattoni, assicurandosi ovviamente che siano posizionati fermamente.
In caso si scegliessero arredamenti ruvidi, come cortecce di sughero o sassi porosi, bisogna prestare molta attenzione al momento della raccolta delle uova perché spesso vengono nascoste in crepe e fessure.
Come substrato consiglio di usare sabbia a grana molto fine, quale ad esempio quella di fiume, che dona un aspetto molto gradevole al terrario e inoltre rende molto semplice e sbrigativa l'operazione di raccolta delle uova, che potrà essere effettuata con un setaccio avente maglia di 1-1.5 (la comune zanzariera).

Essendo originari della zona sub-sahariana, i Platymeris necessitano di temperature medio-alte che possono andare dai 24°C ai 28°C.  Trattandosi di insetti che vivono in ambienti anche molto aridi, non hanno particolari esigenze di  umidità (ad eccezione di P. rhadmanthus che  ha bisogno di  una leggera umidità ambientale) neppure per il delicatissimo processo di muta. Una nebulizzata alla settimana è quindi  più che sufficiente per soddisfare il loro fabbisogno d'acqua. Consiglio comunque di lasciare dentro la teca un tappo di bottiglia pieno d'acqua o di water cristal, piuttosto che una provetta con il tappo in cotone idrofilo .
L'allevamento di Platymeris è a mio parere molto divertente: sono cacciatori d'agguato e d'aspetto, che, una volta vistasi  passare accanto una preda, si avvicinano furtivamente per poi saltarle addosso con un balzo rapidissimo, trattenendola con forza mentre cercano un punto molle in cui far penetrare il rostro per iniettarvi il veleno e successivamente risucchiare il contenuto predigerito.
Prede molto grosse possono talvolta fungere da banchetto per più individui contemporaneamente.
Un individuo adulto molto attivo può consumare una blatta adulta di medie dimensioni ogni 7/8 gg.
I  Platymeris possono  essere alimentati con tutti gli insetti da pasto normalmente reperibili  in commercio, quali camole della farina, kaimani, camole del miele e blatte. Per le neanidi appena nate vale lo stesso discorso a patto che le prede non superino la metà delle loro dimensioni: sono pertanto utilizzabili Drosophila, Trichorhina tomentosa, neanidi appena nate di Blatta lateralis o anche micro camole e buffalo worms.
Meglio evitare di usare come cibo vivo insetti catturati in natura in quanto possibili vettori di parassiti e/o malattie.
La manipolazione di Platymeris richiede molta attenzione, gli adulti si possono prendere con un paio di pinzette sui margini del torace, mentre consiglio di usare per le neanidi delle pinzette morbide ( di lamierino sottile per non stringere molto) prendendole delicatamente dalle tibie , senza avere il rischio di autotomia.


Ninfa di Platymeris sp. mombo

Pericolosità e veleno:
I  Platymeris sono insetti poco pericolosi per l'uomo: se disturbati tendono a scappare o  a difendersi spruzzando schizzi di veleno con notevole precisione a non più di 50 cm di distanza e, anche se non si riesce a vedere lo schizzo di veleno, si può tuttavia notare la parte finale del rostro che viene diretta ripetutamente verso l'aggressore. Sono  inoltre in grado di  emettere, a scopo di minaccia, un suono simile ad uno stridìo, ottenuto  sfregando con il rostro un piccolo processo seghettato situato sul mesosterno tra le zampe anteriori.
L'apparato boccale degli emitteri è composto da un rostro articolato in 4 punti che permette di nutrirsi solo succhiando. In questo contesto la saliva di Platymeris gioca un ruolo importante in quanto, oltre a paralizzare la preda nel giro di pochi secondi, è in grado di predigerirne il contenuto, che poi viene risucchiato dal predatore, lasciando alla fine solo l'esoscheletro svuotato.
Il veleno di questi insetti non è molto studiato, ma esiste un'interessantissima ricerca di John S. Edwards  dell'università di Cambridge , di cui mi permetto di citare alcuni dati salienti.
Un adulto può iniettare come dose massima 10-12 mg di veleno,  la cui LD 50 a 18 h (su Periplaneta americana) è di 10-25 mg/kg (ricordo che non è comparabile a una LD 50 di un serpente in quanto le cavie di riferimento sono differenti).
Il veleno è un insieme di 6 proteine, purtroppo non ancora identificate, e  ha un'azione prettamente proteolica (digestiva e disgregatrice), la paralisi è una conseguenza secondaria dell'attività proteolica, in quanto vengono distrutti molto rapidamente i collegamenti tra le cellule eccitabili, quali quelle miocardiche, muscolari e nervose.
È notevole la presenza di un enzima, la ialuronidasi, presente anche in molti altri veleni (es. serpenti), che aumenta l'efficacia del veleno facilitandone ed aumentandone la  penetrazione e diffusione.
Un eventuale puntura nell'uomo è molto dolorosa nei primi minuti:  la sensazione è quella di avere un ago rovente sottopelle,  dopodichè si avverte una rapida anestetizzazione locale della zona colpita con presenza di gonfiore e arrossamento. Vi è la possibilità che si sviluppi una modesta cicatrice incavata dovuta a una lieve necrosi dei tessuti sottostanti (simile a una cicatrice da varicella).
Le conseguenze di uno schizzo di veleno negli occhi possono essere assai più fastidiose: si ha dapprima un fortissimo bruciore costante che può durare anche 3 ore, con gonfiore e impossibilità di aprire l'occhio. Dopo 6-7 ore si ha una progressiva diminuzione del bruciore, vista annebbiata e rossore/gonfiore con evidente lacrimazione, mantenendo  però l'impossibilità di aprire l'occhio. Il giorno seguente la vista resterà annebbiata e il gonfiore tenderà a diminuire.
Si raccomanda perciò di evitare di avvicinare troppo il viso a questi insetti e, nel caso, di sciacquare immediatamente con abbondante acqua fresca.


Platymeris biguttatus: Tre schizzi di veleno su un vetro

 

 

 

 

Fonti:

http://www.faunaeur.org/
(http://www.faunaeur.org/taxon_tree.php?id=0,1,54070,2,3,4,12353,12786,12824,12835,12836,222125&collapse=yes )
scheda di allevamento di Fabio De Vita ( http://forum.aracnofilia.org/index.php?showtopic=4049 )
www.wikipedia.it
dizionario medico http://ok.corriere.it/dizionario/enc3550.shtml
Cladistic analysis of Reduviidae (Heteroptera:
Cimicomorpha) based on morphological characters CHRISTIANE WEIRAUCH
Department of Entomology, University of California, Riverside, California, U.S.A.
The action and composition of the saliva of an assassin bug Platymeris rhadamanthus /hemiptera reduviidae)
JOHN S. EDWARDS
Department of Zoology, University of Cambridge
Tamanini L. - TABELLE PER LA DETERMINAZIONE DEI PIU' COMUNI ETEROTTERI ITALIANI - Mem. Soc. ent. ital., Genova, 67 (2) (1988): 459-471

Ringraziamenti:

Franco Casini: per la consultazione datami
Linda Gadaldi: per la consultazione datami
Livio Mola: per la ricerca della corretta tassonomia

Scritto da Campateo il 09/01/2009 00:14:56 ·
Commenti
avatar serpeallegra il 10-01-2009 08:36:57
:clapping::clapping: Complimenti Matteo! Mi sono iscritto apposta per poter rispondere all'articolo, chiaro e ben esplicativo! Mario
avatar Campateo il 10-01-2009 21:25:02
Grazie mile serpeallegra! troppo gentile! :bow: Matteo
avatar Varney il 20-01-2009 09:28:21
Grazie per questo articolo che cade a fagiolo, dato che ho preso a Perugia questi animaletti davvero interessanti.:;):
avatar whereis il 23-01-2009 23:57:02
Bravo Teo
Login
Username

Password



Non sei registrato?
Clicca qui per registrarti.

Hai perso la password?
Richiedine una nuova qui.
Ultimi Utenti Online
silvano 3 settimane
fede.ake89 6 settimane
TommyS16 settimane
Natrix22 settimane
Cordilo26 settimane
Fabrizio31 settimane
MarziaB34 settimane
Litoreac35 settimane
andreagecko36 settimane
T4TTOO38 settimane
Ultimi articoli
Pogona henrylawsoni
Phrynosoma platyrhin...
"The colombian toxic...
Periophthalmus sp.
Cryptelytrops venustus
Dendrobates tinctori...
Platymeris (by Entof...
Hemidactylus platyurus
Paroedura androyensis
Cyclophiops major - ...
Shoutbox


Davide Ingrao  stato
10/05/2015 21:38:49
Sono nuovo, vorrei fare una domanda come si fa?
Davide Ingrao  stato
10/05/2015 21:38:21
Salve a tutti
Antonio92  stato
10/12/2014 14:41:32
Salve a tutti. e buona giornata
Antonio
freddo mercurio  stato
06/10/2014 23:06:34
salve a tutti .
Ofione  stato
10/08/2014 16:54:39
Ma la Shoutbox non se la fila nessuno? :asd:
Luca  stato
05/08/2014 19:50:48
Visto che le foto sono hostate su siti esterni probabilmente sono state rimosse...
Alexi Hermenel  stato
04/08/2014 21:09:49
o Ragazzzi ma xchè non vedo le foto nelle discussioni .. sono state cancellate? sono discussioni si del 2005 - 2008 ma che palle dai..
tokay.org  stato
12/07/2014 09:27:46
si oddio !!!!!!!!!!!
tokay.org  stato
12/07/2014 09:27:35
cos'è una chat?
LorenzoMuratori  stato
13/09/2013 00:16:02
Non vedo l'ora che ci sia Verona Reptiles