Cyclophiops major - il serpente verde cinese
Scritto da Jakala il 17/11/2008 22:50:02

Cyclophiops major

C. majorDue anni fa mi sono imbattutto in modo totalmente casuale in questa specie assolutamente poco diffusa e poco conosciuta. E' una specie che mi ha subito affascinato e che mi ha coinvolto totalmente nel suo allevamento. Purtroppo le notizie disponibili sul suo mantenimento in cattività sono molto scarse, ho così deciso di scrivere una scheda in cui riportare le notizie trovate e ciò che ho appreso con la mia esperienza diretta.

Specie: Cyclophiops major.

Sinonimi:

Volgare Chinese Green Snake, Chinesiche Grunnatter.

c. majorCyclophis major - Gunther 1858.
Cyclophis major - Gunther 1864.
Herpetodryas chloris - Hallowell 1861.
Cyclophis major - Gunther 1888.
Ablabes major - Boettger 1894.
Entechinus major - Cope 1895.
Liopeltis major - Stejneger 1907.
Liopeltis major bicarinata - Maki 1931.
Eurypholis major - Pope 1935.
Opheodrys major - Smith 1943.
Entechinus major - Cundall 1981.
Liopeltis major - Welch 1988.
Entechinus major - Welch 1988.
Cyclophiops major - Ota 1991.
Altri:
Hierophys major.

Provenienza:
 
I Cyclophiops major provengono dai paesi dell’Asia sud-orientale: Hong Kong, Hainan, Taiwan, Cina, Laos  e Vietnam.

Descrizione:
Gli adulti di questa specie raggiungono dimensioni intorno a un metro di lunghezza, e presentano una testa leggermente tozza. La colorazione è sempre verde (un bel verde brillante) sia nell’adulto che nei giovani, anche se in questi ultimi è frequente trovare delle piccole macchiette di colore scuro sparse un po’ ovunque sul corpo. Hanno ampi occhi con pupille nere e circolari. Generalmente i Cyclophiops si muovono piuttosto lentamente, ma se infastiditi o impauriti sono capaci di movimenti molto rapidi, sono animali tranquilli che preferiscono la fuga al morso. Sono serpenti molto attivi, diurni, e vivono intorno agli 8/9 anni.

Vita in cattività:
Dell’allevamento di questo serpente si sa ben poco, e sono ben poche anche le notizie recuperabili sulla rete. Esemplari di questa specie ci trovano, se non in particolari casi di fortuna, solamente wc, e sono gli adulti quelli che presentano maggiori difficoltà di adattamento alla vita in terrario. 

majorIl terrario:
Le dimensioni del terrario per una coppia di Cyclophiops possono essere ricondotte alle dimensioni adatte a serpenti della medesima taglia, quindi consiglierei un 120x40x50 (h), anche se questi animali meritano un terrario ben più grande. Ovviamente dovrà disporre di una zona calda e di una zona fredda, e di ampie aperture per il ricambio d’aria. Ciò perchè i Cyclophiops vanno mantenuti in ambiente umido, con un tasso di umidità tra il 70 e l’80%. É consigliabile, sia per mantenere l’umidità costante, sia per favorire l’acclimatazione del serpente, usare come substrato uno strato di 5/6 cm di torba acida di sfagno (in cui i Cyclophiops amano interrarsi, fino quasi a scomparire), che dovrà essere nebulizzata giornalmente in modo da rimanere costantemente umida. In natura i Cyclophiops vivono, appunto, in ambienti molto umidi, tanto che qualcuno consiglia di rendere la torba a “mo di paciugo”, io personalmente lo sconsiglio. Bisognerà mettere nel terrario, oltre che a qualche nascondiglio (finche sono piccoli si possono inserire allo scopo anche piante, vere o finte), anche una bacinella piena d’acqua, e qualche ramo, su cui i Cyclophiops si arrampicheranno. Le temperature devono aggirarsi sui 27 gradi nella parte calda e sui 22 nella parte fredda. Piante vere possono essere mantenute anche quando i serpenti saranno adulti, non raggiungendo questi grosse dimensioni. E' assolutamente necessario l'utilizzo di neon UVB 5%.

L’alimentazione: 
I Cyclophiops in natura si nutrono di anellidi e molluschi terrestri (forse anche di rane), alimentazione che va mantenuta anche in cattività, andranno quindi allevati con lombrichi. State attenti però alla specie che offrirete: ho notizia di lombrichi (forse canadesi) che abbiano intossicato un Cyclophiops provocandone la morte. Negli esemplari giovani offrite un paio di lombrichi di medie dimensioni ogni due giorni. Se avete difficoltà a far mangiare il vostro serpente, mettetelo in un faunabox schermato su tre lati, insieme a un lombrico, faunabox che poi metterete nel terrario in modo da avere condizioni di temperature e umidità ottimali. La stretta vicinanza con il cibo dovrebbe indurlo a mangiare (a me così è successo).
Subito dopo il pasto il serpente sarà molto meno attivo, e dovrà essere lasciato tranquillo. Alcune foto testimoniano che Cyclophiops major si nutre anche di artropodi, probabilmente kaimani o comunque di larve di coleotteri.


Delle informazioni che seguono ho trovato poco, quello che ho trovato è qui riassunto:

majorRiproduzione: 
I Cyclophios depongono da 5 a 12 uova.

Brumazione:
La temperatura per la brumazione deve essere compresa tra i 6 e gli 8 gradi.

Conclusioni:
Cyclophiops major è una specie stupenda che merita sicuramente l'attenzione di tutti gli appassionati di terrariofilia. Purtroppo la sua scarsa reperibilità (soprattutto di esemplari sani), le poche conoscenze sul suo mantenimento in cattività e le sue necessità piuttosto particolari lo rendono un serpente adatto solo a esperti. Mi auguro che nei prossimi anni qualcuno voglia cimentarsi seriamente nell'allevamento di questo bellissimo animale. Ringrazio Chiara per l'appoggio datomi nell'avventura con questo serpente.

Buon allevamento!

Luca Cogo